“Taylor Swift ha dichiarato durante una sessione privata per lo streaming di <Reputation> per chi è stata scritta <Gorgeous>”

Il nuovo album di Taylor Swift è ormai alle porte e ieri è stato ufficialmente rilasciato il terzo singolo dell’album “Reputation” dal titolo “Gorgeous” che, senza ombra di dubbio, Taylor Swift ha dedicato ad una persona che realmente ha fatto parte della sua vita e che da sempre lei ha definito “Splendido“.

Oltre ai ritmi superbi e vocali, una delle caratteristiche più acclamate nelle canzoni di Taylor Swift sono i suoi testi. I testi intelligenti di una 27enne che da sempre ci fanno lavorare per decodificare i numerosi messaggi nascosti e riferimenti alla sua vita personale, basti pensare a canzoni come “Look What You Made Me Do“, singolo apripista del suo nuovo album “Reputation” all’interno del cui testo (e del cui video) sono presenti numerosi riferimenti a fatti e persone

Taylor Swift tuttavia, qualche giorno fa ha organizzato a Londra uno streaming party privato per il suo nuovo album e pochi ragazzi sono stati così fortunati da poterci partecipare. I testimoni hanno riferito che dopo aver affrontato con Taylor Swift le molteplici frodi e voci che giravano sulla prima canzone dell’era “Look What You Made Me Do“, hanno cercato di scoprire con  frenesia cosa nascondesse il suo  ultimo gioiello.

Stando a quanto dichiarato da Taylor Swift, la nuova canzone “Gorgeous” sarebbe stata scritta e quindi dedicata al suo “fidanzato angelo di un anno” e tutti hanno subito pensato che si trattasse del 27enne Joe Alwyn. Stando a quanto dichiarato dal The Sun circa sei mesi fa, Taylor  ha spesso definito Joe Alwyn come un “angelo” e i due stavano addirittura parlando di convivenza e che lei sarebbe stata disposta a spostarsi nel Regno Unito, a  Chelsea, un’esclusivo distretto di Londra, per poter stare vicina al talentuoso attore britannico che le aveva rubato il cuore. Tuttavia non è ancora chiaro se i due stiano ancora insieme o meno, Taylor non si è pronunciata.

Commenta su Facebook!

Alessandro Marzano

View all posts

Add comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *