Caesar XVI esce con il nuovo video. Si tratta del singolo “Come Una Magnum”. Ecco il video e il testo completo.

Alessio Orefice in arte Caesar XVI classe 96′, vive in provincia di Taranto ed è un rapper emergente, fa anche parte del duo gMobbb. Coltiva questa passione da quando aveva 16 anni e sin dall’inizio non avendo una grande disponibilità economica, ha sempre fatto tutto al meglio che poteva con ciò che poteva avere. Pian piano si sta facendo conoscere e si sta espandendo sempre di più. Da pochi giorni ha pubblicato un pezzo prodotto da un gruppo di ragazzi tedeschi, il che fa molto piacere a Caesar XVI per averlo scelto per collaborare. Il brano è “Come Una Magnum”.

Caesar XVI – Come Una Magnum (VIDEO)

Caesar XVI – Come Una Magnum (TESTO)

Rit.
Potenza ma é classe, violenza nell’arte.
Palestra sul marmo, doppia collana zarro.
In centrale le talpe, poche buone rimaste.
Brilliamo sappiamo quanto, proprio come una magnum.

Caesar XVI é il nome, e non sto scherzando.
Il paragone é perfetto, parlo della magnum.
Vivo ogni giorno, con il motto di fifty,
Le mie liriche non sono, come quelle di cristy.
Sono vero parlo dei giorni brutti, e dei giorni belli,
Sono sincero ti descrivo tutto, pregi e difetti.
La mia immagine di certo, non rispecchia i miei gesti,
Scontro con me fra? No tu non ce la faresti.
testi troppo complessi, proprio per te stronzo,
Tu che vedi solo il verde, in questo schifo di mondo.
Che se nasci quadrato, non puoi muori tondo,
Sei nato già ricco, ma non hai toccato il fondo.
Odio sentirmi dire quello ha detto di quel ragazzo,
O che quello ha detto a quell’altro quel fatto.
A meno che non mi parla di quando ha dato di matto,
O di quella troia che mi succhiava il cazzo.

Rit.

Sento nel profondo, che non morirò in casa,
Il mio orgoglio morirà con me, proprio come mufasa.
Le palle e la mia parola, sono tutto ciò che ho si,
Ciò che veramente posso controllare, è solo questo beat.
Perciò mi muovo come un fantasma anzi puoi chiamarmi ghost,
La gMobbb in strada non fa chiasso puoi chiamarci anche gforce.
spacchiamo le casse dalla vetta d’Italia al tacco,
Sai vogliamo solo i tuoi soldi da te credimi non ci serve nient’altro
Ho venduto di tutto sai per andare via di qua,
Ma non é abbastanza per uscire fuori da questa città.
Finalmente il mio conto in banca é sempre positivo,
É rimasto da curare solo il mio umore é sempre negativo.
La situazione é ancora qui,  in stato catatonico,
Adesso confesso che, sono un paranoico cronico.
O forse sono solo, un po troppo provvidente,
Meglio a te che a me fra, te lo dico sinceramente.

Rit.

 

Enzo Bellini

Enzo Bellini.
Editore e promoter.
Appassionato alla musica a 365°.

View all posts

Iscriviti alla newsletter per tutte le ultime notizie!

Seguici sui social