Rino Gaetano nacque il 29 ottobre 1950 a Crotone e scomparve, all’età di 30 anni, il 2 giugno 1981 a Roma; ripercorriamo insieme la vita di uno dei più amati cantautori italiani.

Rino Gaetano – A Mano a Mano

Primi Anni

All’anagrafe Salvatore Antonio Gaetano, prese spunto per il suo nome d’arte dal diminutivo affidatogli dalla sorella maggiore Anna, tutti in famiglia lo chiamavano Salvatorino mentre Anna preferiva chiamarlo Rino. Trasferitosi a Roma nel 1960 i genitori lo mandarono a studiare nel seminario della Piccola Opera del Sacro Cuore di Narni, in provincia di Terni. Non fu una decisione atta ad avviare il piccolo Rino alla carriera ecclesiastica ma volta a fornire una buona educazione al ragazzo ed evitare che stesse troppo da solo considerato che i genitori erano spesso fuori casa per lavoro. Uno dei suoi insegnanti, padre Renato Simeoni espresse queste parole nei confronti di Rino Gaetano: “Sentiva l’importanza dello studio, ma aveva anche dei momenti di grande assenza, che non era vuoto, Era molto difficile trovare Rino in situazioni di vuoto, era sempre mentalmente occupato […]“. Tornato a Roma nel 1967 si trasferì 3 anni dopo in via Nomentana Nuova e cominciò a sperimentare le prime esperienze musicali, creò il quartetto “Krounks” dove suonava il basso e nel frattempo iniziò a scrivere canzoni ispirandosi ai suoi artisti preferiti, da quelli italiani come Jannacci (che considerava un maestro indiscusso), Celentano e De Andrè per poi passare ad artisti internazionali del calibro di Bob Dylan e i Beatles. Si concesse anche delle importanti esperienze teatrali e nel 1969 iniziò a frequentare un noto locale romano che vedeva giovani artisti esibirsi chiamato Folkstudio, qui conobbe artisti del calibro di Antonello Venditti e Francesco De Gregori.

PROSEGUE NELLA PAGINA SUCCESSIVA

Commenta su Facebook!

Stefano Marra

Attore, Doppiatore e Speaker radiofonico

View all posts